Download eBook - Ita Manuale Operativo Per Il Restauro Architettonico - Dei 289 p PDF

TitleeBook - Ita Manuale Operativo Per Il Restauro Architettonico - Dei 289 p
TagsFoundation (Engineering) Mortar (Masonry) Plaster Acetic Acid Lime (Material)
File Size10.7 MB
Total Pages289
Table of Contents
                            MANUALE OPERATIVO PER IL RESTAURO ARCHITETTONICO
	INDICE
PNC	PRECONSOLIDAMENTI
	AS	OPERAZIONI DI ASPORTAZIONE, DEMOLIZIONE E SMONTAGGIO
PU	PULITURE
	Premessa metodologica
		PU ml. 4.1. Pulitura mediante acqua atomizzata
AG AGGIUNTE, INTEGRAZIONI
AG ml. 6.1.2. Rappezzo di intonaco civile
AG ml. 9.1. Integrazioni, ripristino pavimentazioni in battuto
AG ml. 12. TASSELLATURA
AG mli.	OPERAZIONI DI INTEGRAZIONE, STUCCATURA MATERIALI LIGNEI
CN ml. Operazioni di consolidamento di materiali lapidei
CN ml. 3.1. 	Consolidamento mediante impregnazione a pennello, tampone o rullo
CN ml. 3.2. 	Consolidamento mediante impregnazione a spruzzo
CN ml. 3.3. 	Consolidamento mediante impregnazione a tasca o ad impacco
	CN om. Operazioni di consolidamento opere musive
		Premessa metodologica
DM am. 5. FORMAZIONE DI BARRIERA ELETTROSMOTICA
	SC SCAVI
SC OPERAZIONI DI SCAVI E RINTERRI
CONSOLIDAMENTO FONDAZIONI
CONSOLIDAMENTO TERRENI
	Premessa metodologica
	CONSOLIDAMENTO CEMENTO ARMATO
	CN ca. OPERAZIONI DI CONSOLIDAMENTO DI STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO
		CONSOLIDAMENTO SOLAI
	Premessa metodologica
		CONSOLIDAMENTO STRUTTURE VOLTATE
			CONSOLIDAMENTO COPERTURE
	Premessa metodologica
		IMPERMEABILIZZAZIONE COPERTURE
                        
Document Text Contents
Page 1

MANUALE OPERATIVO PER IL RESTAURO ARCHITETTONICO

INDICE

PARTE PRIMA PROCEDURE DI RESTAURO
PCN PRECONSOLIDAMENTI
Premessa metodologica
PCN ml. Operazioni di preconsolidamento dei materiali lapidei
PCN ml. 1. Generalità
PCN ml. 2. Ponti di malta magra e/o resina (Fermatura)
PCN ml. 3. Velinatura con garza di cotone o carta giapponese
PCN ml. 4. Nebulizzazione miscele di silicato di etile
PCN ml. 5. Applicazione di sospensioni di idrossido di calcio
PCN ml. 6. Micro-iniezioni di miscele a bassa pressione

AS ASPORTAZIONI
AS Operazioni di asportazione, demolizione e smontaggio
AS 1. Generalità
AS 2. Indagini preliminari (accertamento sulle caratteristiche costruttive-strutturali)
AS 3. Demolizione di strutture murarie di fondazione
AS sm. 4. Demolizione di strutture murarie
AS sm. 4.1. Strutture portanti e/o collaboranti
AS sm. 4.2. Tramezzature
AS ca. 5. Demolizione di strutture a telaio in c.a.
AS so. 6. Smontaggio di strutture orizzontali
AS so. 6.1. Solai piani
AS so. 6.2. Strutture voltate
AS so. 6.3. Strutture in aggetto
AS so. 6.4. Collegamenti verticali
AS so. 6.5. Manti e strutture di copertura
AS 7. Asportazione di intonaci
AS 8. Rimozione e smontaggio di pavimenti
AS 9. Rimozione e smontaggio di rivestimenti lapidei
AS ti. 10. Asportazione di tinte
AS ti. 10.1. Raschiatura parziale di tinte
AS ti. 10.2. Raschiatura totale di tinte
AS om. 11. Asportazione opere musive
AS om. 11.1. Distacco di opere musive a “sezioni”
AS om. 11.2. Strappo di opere musive
AS dm. 12. Asportazione dipinti murari
AS dm. 12.1. Strappo degli affreschi
AS dm. 12.2. Stacco degli affreschi
AS 13. Discialbo manuale
AS 13.1. Scialbatura a tempera o a calce su superfici decorate ad affresco
AS 13.2. Scialbatura a tempera o a calce su superfici decorate o dipinte a secco
AS 13.3. Scialbatura polimerica su superfici decorate molto compatte
AS 13.4. Scialbatura polimerica su superfici decorate ad affresco
AS 13.5. Scialbatura polimerica su superfici decorate a secco

PU PULITURE
Premessa metodologica
PU ml. Operazioni di pulitura materiali lapidei

file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_03
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_02
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_01
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_33
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_32
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_31
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_30
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_29
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_28
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_27
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_26
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_25
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_24
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_23
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_22
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_21
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_20
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_19
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_18
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_17
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_16
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_15
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_14
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_13
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_12
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_11
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_10
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_09
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_08
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_07
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_06
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_05
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_04
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_03
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_02
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#AS_01
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_09
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_08
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_07
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_06
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_05
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_04
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_03
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_02
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_1.doc#PCN_01

Page 2

PU ml. 1. Generalità ed esecuzione di prove di pulitura
PU ml. 2. Sistemi di pulitura per gli elementi lapidei
PU ml. 3. Pulitura mediante spray di acqua a bassa pressione
PU ml. 3.1. Pulitura mediante macchina idropulitrice a pressione controllata
PU ml. 4. Pulitura mediante spray d’acqua nebulizzata
PU ml. 4.1. Pulitura mediante acqua atomizzata
PU ml. 5. Pulitura meccanica (spazzole, bisturi, spatole ecc.)
PU ml. 6. Pulitura mediante solventi - Approccio
PU ml. 7. Pulitura mediante impacchi
PU ml. 7.1. Pulitura mediante impacchi assorbenti a base di acqua (estrazione sali solubili)
PU ml. 7.2. Pulitura mediante impacchi assorbenti a base di sostanze chimiche
PU ml. 7.2.1. Pulitura mediante impacchi assorbenti a base di carbonato e bicarbonato d’ammonio
PU ml. 7.2.2. Pulitura mediante impacchi assorbenti a base di resine a scambio ionico
PU ml. 7.2.3. Pulitura mediante impacchi assorbenti a base di enzimi
PU ml. 7.2.4. Pulitura mediante impacco biologico
PU ml. 8. Pulitura mediante apparecchi aeroabrasivi (sistema jos e rotec)
PU ml. 9. Pulitura mediante sabbiatura controllata
PU ml. 10. Pulitura a secco con spugne wishab
PU ml. 11. Pulitura laser
PU ml. 12. Rimozione macroflora
PU ml. 12.1. Generalità
PU ml. 12.2. Diserbo da piante superiori
PU ml. 12.3. Disinfestazione da muschi e licheni
PU ml. 13. Rimozione microflora
PU ml. 13.1. Generalità
PU ml. 13.2. Rimozione della microflora
PU mli. Operazioni di pulitura materiali lignei
PU mli. 1. Generalità
PU mli. 2. Pulitura meccanica manuale
PU mli. 2.1. Levigatura e lamatura manuale
PU mli. 3. Sverniciatura con decapante neutro
PU mli. 4. Pulitura ad aria calda o a fiamma

AG AGGIUNTE, INTEGRAZIONI
Premessa metodologica
AG ml. Operazioni di stuccatura, integrazione dei materiali lapidei (aggiunte)
AG ml. 1. Generalità
AG ml. 2. Stuccatura-integrazione di elementi in laterizio
AG ml. 3. Stuccatura di elementi lapidei
AG ml. 4. Risarcimento-stilatura giunti di malta
AG ml. 5. Stuccatura salvabordo lacune di intonaco (Bordatura)
AG ml. 6. Trattamento lacune di intonaco
AG ml. 6.1. Rappezzo di intonaco
AG ml. 6.1.1. Rappezzo di intonaco di calce (aerea e idraulica)
AG ml. 6.1.2. Rappezzo di intonaco civile
AG ml. 6.1.3. Rappezzo di intonaco colorato in pasta
AG ml. 6.2. Finiture superficiali
AG ml. 6.2.1. Marmorino
AG ml. 6.2.2. Intonachino o colla
AG ml. 7. Integrazione cromatica
AG ml. 8. Integrazione di stucchi e modanature
AG ml. 8.1. Integrazione cornici
AG ml. 8.2. Integrazione bugne di facciata ed anteridi
AG ml. 9. Integrazione, ripristino pavimentazioni
AG ml. 9.1. Integrazione, ripristino pavimentazioni in battuto
AG ml. 9.1.1. Battuto alla veneziana
AG ml. 9.1.2. Battuto di graniglia
AG ml. 10. Integrazione di porzioni murarie

file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_53
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_52_2
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_52_1
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_52
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_51
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_50
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_49
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_48
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_47
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_46_2
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_46_1
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_46
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_45_3
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_45_2
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_45_1
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_45
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_44
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_43
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_42
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_41
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_40
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_39
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_38
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_37
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_3.doc#PU_36
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_35
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_34
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_33
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_32
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_31
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_30
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_29
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_28
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_27
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_26
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_25
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_24
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_23
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_22
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_21
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_20
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_19
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_18
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_17
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_16
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_15
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_14
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_13
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_12
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_11
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_10
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_09
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_08
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_07
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_06
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_05
file:///C:/Documents and Settings/alessandrozaccarini/Documenti/eBook personali/DEI_ManualeRestauroArchitettonico_2ed/PARTEPRIMA_2.doc#PU_04

Page 144

Cere animali derivanti da secrezioni animali o contenute in alcune parti di essi come nei cetacei; la più
utilizzata è la cera d’api simile alle sostanze grasse, pur essendo di costituzione chimica diversa, non
contiene glicerina e, a differenza dei grassi, saponifica difficilmente. È di colore giallo intenso, più o
meno scura, rammollisce a circa 35 °C, fonde a ca. 62 °C e solidifica a 61 °C, pH 20,7; infiammabile,
brucia senza lasciare residuo; insolubile in alcool freddo, solubile a caldo in essenza di trementina,
negli oli grassi, benzene, cloroformio ecc., insolubile in acqua ma permeabile al vapore. Solubilizza
anche a distanza di tempo e, quindi, reversibile.
Cere vegetali, contenute all’interno o in superficie di fibre vegetali, più dure delle cere animali
presentano un’alta brillantezza (cera di cotone, di lino, di tabacco ecc.); cera carnauba (detta anche
cera brasiliana) è un prodotto molto pregiato di colore giallo verdastro pallido o grigio giallognolo
ricavato dall’es-sudazione delle foglie della palma del Brasile (copernicia cerifera o corypha cerifera),
si presenta in pezzi duri ma fragili a seconda dell’untuosità al tatto, si classifica grassa o magra.
Solubile a caldo nei comuni solventi organici tipo alcool etilico, benzene, trementina, ragia minerale
ecc.; punto di fusione 82-85 °C, di norma difficilmente solubile a freddo, resistente e brillante, sovente
utilizzata per aumentare il punto di fusione delle altre cere o per dare più lucentezza e durezza ovvero
per diminuire l’effetto appiccicoso.

Cere minerali, possono essere di origine fossile (cera montana, ozocerite) o frutto di sintesi del
petrolio (paraffine): cera microcristallina miscela d’idro-carburi alifatici saturi a peso molecolare medio
alto, punto di fusione da 90 °C a 95 °C, punto di goccia 106-110 °C, si presenta come piccole scaglie
bianche
o leggermente giallognole con una particolare struttura microcrisallina. Particolarità positive sono
l’elevato potere adesivo a freddo, l’inerzia chimica, ottima reversibilità ed idrorepellenza. Poco solubili
a freddo nei solventi polari, sono solubili a caldo e a freddo nei solventi clorurati e nell’essenza di
trementina.
Le cere potranno essere impiegate in forma di soluzione o dispersione. Tutte le cere troveranno, in
ogni caso, impiego ristretto nel trattamento dei materiali lapidei e porosi a causa dell’ingiallimento e
dell’opacizzazione delle superfici trattate; inoltre, in presenza di umidità e carbonato di calcio,
potranno dare luogo alla formazione di saponi che scoloriranno l’oggetto trattato. Se non di-
versamente specificato non andranno utilizzate su manufatti in esterno, esposti agli agenti atmosferici
in quanto poco resistenti e possibili terreni di coltura per batteri ed altri parassiti. Le cere potranno
trovare utilizzo nei trattamenti protettivi per strutture in legno e manufatti in cotto.

PR ml. 12. PROTEZIONE DI CORNICI ED ELEMENTI DECORATIVI AGGETTANTI

La protezione delle cornici e degli elementi decorativi aggettanti, al fine di ovviare all’infiltrazione delle
acque meteoriche, potrà essere realizzata ricorrendo all’ausilio di elementi in metallo, comunemente
denominati “scossaline”, piegati e sagomati secondo le specifiche necessità. I materiali comunemente
utilizzati sono: il piombo, il rame e la lamiera zincata. La procedura prevede la messa in opera,
sull’elemento da proteggere, di una lastra (spessa circa 1,5 mm) più larga della superficie da coprire
(almeno 10 cm per parte) tagliata e sagomata in opera. Nel caso in cui debbano essere protetti
elementi aggettanti addossati alla muratura si procederà alla realizzazione di uno scasso (profondo
non meno di 3 cm), lungo il profilo dell’aggetto, necessario per poter murare la lamina; lo scasso dovrà
essere adeguatamente richiuso tramite accurata stuccatura rifinita a sguscio così da evitare gli
inconvenienti legati al ristagno dell’acqua.
Dopo aver sagomato la lamina sulla superficie, si procederà ripiegando la parte eccedente del foglio di
piombo sul bordo dell’aggetto (praticando dei tagli così da consentirne la piegatura) utilizzando, per
questo, una tavoletta di legno appoggiata sul lembo piegato battendola, lievemente, con un’altra
tavoletta in modo da farla meglio aderire alla superficie. Il materiale in eccesso potrà essere tagliato
utilizzando un ferro piegato ad L dotato di punta sull’estremità: il passaggio del ferro sull’estradosso
dell’aggetto garantirà il taglio della lamina. Le sovrapposizioni delle parti ripiegate potranno essere
fermate tramite graffette così da impedirne il movimento. Si procederà poi nella pulitura, mediante

Page 145

spazzola metallica, dei lembi da saldare così da renderli scabri; la superficie dovrà essere scaldata
con un cannello a gas applicando contemporaneamente la stearina (in modo da garantire la perfetta
adesione del metallo al riporto), infine si fonderà una barretta composta di una lega di stagno e
piombo sul giunto da sigillare. La perfetta adesione e stabilità delle protezioni sommitali delle superfici
aggettanti (specialmente se di considerevoli dimensioni) potrà essere ulteriormente garantita con la
messa in opera di tasselli chiodati di cui si dovrà provvedere a proteggere la testa con un rettangolo di
piombo saldato alla lastra principale in modo da ostruire i fori, evitando possibili infiltrazione di acqua.

PR ml. 13. COPERTURE PROVVISIONALI - PROTEZIONE DEI SITI ARCHEOLOGICI

La procedura prevede la messa in opera di particolari presidi di protezione al fine di salvaguardare i
materiali e le strutture architettoniche dagli effetti delle condizioni patologiche generate da cause non
direttamente affrontabili e risolvibili nell’ambito dell’intervento come, ad esempio, la presenza di
sostanze inquinanti nell’atmosfera, le piogge acide, il ruscellamento delle acque piovane ecc. Nei siti
di scavo archeologico o in presenza di manufatti ridotti allo stato di rudere risulterà essenziale la
messa in opera di ripari, tettoie temporanee stagionali o fisse per evitare l’azione delle piogge e ridurre
gli effetti delle variazioni termiche e del particellato atmosferico.
Nella scelta della tipologia di copertura da adottare si dovrà tenere conto della natura e dello stato di
conservazione di ciò che necessita di protezione e delle effettive condizioni climatiche del luogo,
evitando di utilizzare materiali che potrebbero innescare interazioni chimiche e fisiche con quanto è
stato ritrovato; dovrà, inoltre, essere valutata la durata di esercizio del sistema di protezione poiché
esiste una sostanziale differenza tra le coperture temporanee messe in opera in funzione degli
interventi connessi con il cantiere archeologico (scavo, restauro ecc.) da quelle che dovranno poi
permanere anche a lavori ultimati al fine di garantire una conservazione prolungata del sito.
Le coperture provvisionali comprenderanno: teli e strutture in elevazione. I teli in nylon, polietilene
(PE) o in fibre di polipropilene (PP) trasparenti, bianchi, neri, blu o verdi sono facili da applicare,
offrono la possibilità di adattarsi a diverse situazioni; risultano essere impermeabili all’acqua e all’aria,
sono capaci, inoltre, di fornire una buona resistenza all’azione meccanica di piogge molto forti.
L’impermeabilità del materiale può essere la causa di pericolosi ristagni di acqua, causati da forti
acquazzoni, nelle zone caratterizzate da superfici articolate; in questo caso la pressione del liquido
solleciterà sia le strutture protette sia il telo che potrebbe strapparsi causando pericolose e inevitabili
infiltrazioni. Per questo risulterà di basilare importanza la corretta messa in opera dei teli ed il loro
periodico controllo dello stato di conservazio
ne così da poter provvedere alla manutenzione o, se necessario, sostituzione. In linea generale, se
non diversamente specificato dalla D.L. o dalla D.S., si utilizzeranno teli in polietilene o in fibre di
polipropilene di colore scuro, di medie dimensioni (2x2 m o 3x3 m) e solo per il tempo strettamente
necessario a proteggere i reperti dalle precipitazioni o per impedirne l’asciugatura. L’uso di teli per
proteggere aree direttamente esposte all’irraggiamento solare è sconsigliato, in particolare si dovrà
escludere l’uso di teli trasparenti nel caso di reperti organici o dipinti murali a secco. Nel caso di
utilizzo di teli per protezione di reperti inorganici sarà conveniente apporli sollevati di qualche centi-
metro dalle strutture da proteggere poiché il mancato riciclo dell’aria potrebbe implicare la creazione di
un microclima, tra telo e strutture, tale da favorire lo sviluppo di colonie batteriche e il lento
disfacimento degli elementi che costituiscono i ritrovamenti. È opportuno, nel caso di permanenza
prolungata dei teli sui reperti, effettuare un preventivo trattamento antibiotico per ovviare ad eventuali
attacchi biologici e, quando possibile, interporre tra il telo in plastica e le strutture da proteggere un
geotessuto.
In alternativa ai teli in polietilene potranno essere usati geotessuti e tessuto-non-tessuto ovvero teli in
fibre saldate di poliestere o di polipropilene, permea-bili, bianchi; se non diversamente specificato
dalla D.L. o dalla D.S. si potranno impiegare come protezione a contatto temporaneo, dalle polveri, dai
materiali di risulta ma anche dall’azione meccanica delle piogge e dall’eventuale calpestio. In linea
generale si impiegheranno teli di dimensione non superiore a 4-5 m2 adagiandoli sulle superfici dei

Page 288

TI PO L OG I A E CAT EG O R I A DEI LAVOR I

In questi riquadri sono indicate le varie tipologie di superfici (muratura in pietra, cortina in laterizio, intonaco
di calce ecc.) e la specifica categoria di intervento sommariamente indicata nel codice individuale di
riferimento al capitolato.

INDICAZION E SUL LO STATO DI CONS E R V A Z I O N E

In questo campo sarà descritto il reale stato conservativo del manufatto riportando le caratteristiche salienti,
le diverse forme di degrado riscontrate e, dove è possibile, anche la causa che le ha generate.

OBI E T T I V O DE L L ’ I N T E R V E N T O

Questo riquadro ha lo scopo di riportare il fine ultimo che si prefigge di raggiungere l’intervento, per questo
deve essere messo in stretta relazione con quanto enunciato nelle indicazioni sullo stato di conservazione.

DESC R I Z IO N E SIN T E T I C A DE L P RO TOCO L L O OP E R A T I V O

In questo campo sono indicate in maniera sintetica le vari fasi esecutive del protocollo in oggetto, così da
poter avere un quadro completo dei vari passaggi prima che questi siano esplicati nel particolare.

P R O TOCO L L O OP E R A T I V O

La presenza di questo riquadro consente di descrivere in modo dettagliato la procedura seguendo le fasi
elencate nella descrizione sintetica. Rappresenta il nucleo centrale della scheda dove sono riportate tutte le
informazioni utili al fine di eseguire correttamene la procedura. Questo campo è quello che deve fornire
indicazioni particolareggiate sul protocollo operativo al tecnico, all’operatore, all’assistente di cantiere ed a
tutte le figure professionali che si confrontano con tale lavorazione.

MAT E R I A L I IM P I E G A T I

Questo campo contiene l’elenco sintetico dei materiali necessari al fine di poter realizzare l’esecuzione della
procedura indicata nel campo precedente.

SP E C I F I C H E SUI MAT E R I A L I IM P I E G A T I

In questo riquadro sono indicate non solo le prescrizioni inerenti i singoli materiali utilizzati ma anche tutte le
informazioni utili per verificare la qualità e, di conseguenza, l’accettabilità degli stessi specificando, per
ognuno, i componenti base e le rispettive caratteristiche tecniche.

MAT E R I A L I O SOLUZIONI AFF I N I

In questo campo sono riportati i materiali o le soluzioni similari atte all’esecu-zione della procedura,

Page 289

così da agevolare eventuali scelte opzionali.

AVV E R T E N Z E SP E C I F I C H E

Il riquadro è presente al fine di poter specificare gli eventuali passaggi delicati della procedura,
ovvero, le specifiche tecniche non enunciate nella spiegazione dei protocolli o che necessitano di
maggior attenzione.

EL E M E N T I DI GIUDIZIO

In questo ultimo campo saranno inseriti eventuali commenti alla procedura ed a qualsiasi elemento
di analisi (potenziale reversibilità, compatibilità con il supporto, durabilità, costo, facilità di
applicazione ecc.) utile al fine di meglio comprendere o eseguire il suddetto protocollo; inoltre sono
indicate la qualità della manodopera ed il tipo di attrezzatura necessaria (ordinaria o specialistica).

MODI F I C H E DE L L A P ROC E DU R A DI P R OG E T T O

In questo ultimo riquadro devono essere segnalate le eventuali modifiche apportate alla procedura
di progetto, inoltre devono essere indicati i reali materiali e componenti messi in opera con le
relative annotazioni inerenti il grado di concentrazione ovvero diluizione. Queste annotazioni
dovranno seguire le indicazioni prescritte nella procedura inerente la documentazione degli
interventi di restauro.

Similer Documents