Download prepazione celi 3 PDF

Titleprepazione celi 3
File Size2.4 MB
Total Pages10
Table of Contents
                            pagine
                        
Document Text Contents
Page 1

Edizioni Edilingua

Leggere i due testi e indicare se l’informazione si riferisce al testo A o al testo B.

Le bugie

26

Che le bugie “bianche” siano il toccasana di

tante relazioni sentimentali e della maggior

parte dei rapporti di lavoro è un dato di fatto.

Ma la scienza non si accontenta di queste

semplificazioni e il professor Robert Feldman,

docente di psicologia dell’Università del Mas-

sachusetts, ha raccolto 25 anni di ricerche ac-

cademiche sulla menzogna nel saggio appena

uscito Liar: the truth about lying (Virgin Paper-
backs, 2010). Il libro spie ga, riportando una

serie di studi pratici sulla psiche umana, che

dire la verità non sempre fa bene a noi e a chi

ci sta intorno e che per questo il cervello è por-

tato a mentire, per difendersi e sopravvivere.

Questo procedimento mentale è alla base

della nostra evoluzione ed è un meccanismo

atavico, che appartiene anche agli animali e

che l’uomo, progredendo, ha fatto suo. Libe-

randolo però dagli automatismi che regolano il

comportamento di uccelli e insetti e conden-

dolo di libero arbitrio, creatività, malizia. In una

parola, umanizzandolo. Nell’uomo la menzo-

gna, come lo stesso Anolli ha scritto nel libro

Mentire (Il Mulino, 2003), è intenzionale, nasce
da una necessità di sopravvivenza, e il modo in

cui mentiamo varia a seconda della cultura ed

è alla base della conformazione psicologica di

intere società. Secondo Anolli la menzogna è

lo strumento più efficace e rapido per raggiun-

gere determinati obiettivi. Tutto sta a saperla

utilizzare.

Le bugie dei bambini sono segno di intelligenza.

Lo rivela uno studio canadese che ha indagato il

comportamento di 1200 ragazzini. I più furbetti

iniziano a dire bugie già a due anni, uno su cin-

que tira fuori qualche frottola all’occorrenza.

Sarà di magra consolazione per mamma e papà

alle prese con le frottole dei figli, ma le bugie dei

bambini sono segno di intelligenza, indice del

fatto che lo sviluppo cognitivo dei piccoli sta an-

dando a tutta birra. Più si è piccoli alla prima

bugia, più l’intelligenza cresce veloce. Lo rivela

uno studio condotto presso la Toronto University

da Kang Lee e riportato online dalla BBC.

Per dire bugie e farle galoppare senza inciampi

nella verità bisogna utilizzare processi cognitivi

complessi, spiega Lee, quindi i piccoli bugiardi

sono intelligentoni che crescono. L’indagine ha

coinvolto 1200 bimbi e ragazzini dai 2 ai 17 anni.

I più furbetti iniziano a dire bugie già a due anni,

circa uno su cinque a questa età tira fuori qual-

che frottola all’occorrenza. Ma a quattro anni di-

cono bugie anche i più “lenti” a prendere questo

“vizio”: a questa età è il 90% dei bambini, infatti,

a dirle. Ma niente paura, sostiene Lee, dire bugie

da piccoli è normale e non significa che questi

bambini cresceranno come bugiardi patologici.

Anzi la bugia è segno di sviluppo cognitivo per-

ché per ideare una frottola e tenerla in piedi

serve il ragionamento. Anzi, conclude Lee, i pic-

coli bugiardi potrebbero anche finire per fare i

banchieri da grandi.

A BA B

1

(www.repubblica.it)

Page 2

27Prova di Comprensione della Lettura

1 A volte le bugie sono meglio della verità.

2 Dire le bugie può essere un segnale positivo.

3 Le bugie si dicono come difesa.

4 Quando si è piccoli è naturale dire bugie.

5 Gli uomini non sono i soli a usare la menzogna.

6 Se si mente è perché abbiamo deciso di farlo.

7 Bugie e intelligenza vanno di pari passo.

8 La cultura può influenzare il modo di dire le bugie.

9 Per dire una bugia bisogna far funzionare il cervello.

10 La menzogna ci aiuta a ottenere quello che vogliamo.

A B

� �

� �

� �

� �

� �

� �

� �

� �

� �

� �

PARTE

A.2

Page 3

46 Edizioni Edilingua

Rispondere alle domande o completare le affermazioni del seguente testo.

Le frustrazioni in ufficio

Anche il più sereno degli uffici, cia-

scuno può testimoniarlo, finisce per

trasformarsi in un piccolo inferno

quotidiano. Soprattutto se gli spazi

vitali, pure quelli beffardamente no-

minati open space, sono circoscritti
e ridotti di fatto all’essenziale, a mi-

nute superfici immobiliari.

Secondo quanto confessato dagli

impiegati, a toccare i nervi sono so-

prattutto l’eccessiva vicinanza con i

colleghi. Lo spazio vitale è talmente

percepito come sotto assedio che

quattro dipendenti su dieci hanno

confessato di provare profonda irri-

tazione proprio quando si ritrovano a

dovere sopportare le reiterate inva-

sioni da parte di quei colleghi che

non sanno trattenersi, con carte e documenti, chiacchiere e opinioni, nei “limiti” della propria scri-

vania.

Gli uffici sono una specie di micromondo che mette a confronto, forse più di quanto non avvenisse

prima, quasi spietatamente, gli uni con gli altri. Sia perché sono divenuti più ampi e capienti di prima.

Sia per le piccole trasformazioni sociali che hanno portato i colleghi di lavoro a divenire, per un cre-

scente numero di persone, i nuovi “vicini”. L’ufficio quasi come l’unica opportunità di contatto sociale,

l’unica occasione per incontrare persone e provare a farsi dei nuovi amici. Quelli a cui chiedere

consigli o favori. Così anche, inesorabilmente, quelli a cui fare dispetti e per cui provare l’invidia ti-

pica di chi si osserva vicendevolmente con un’insistenza che rischia, alle volte, di divenire osses-

siva.

Questa contiguità onnipresente sembra tanto concreta che tra le altre cose che più danno fastidio,

c’è il rumore di fondo formato dal chiacchiericcio e dal confabulare, al telefono per lo più, dei tanti

colleghi sparsi, ma vicinissimi e non “insonorizzati”, nell’apparentemente ampio open space. E
quando qualcuno si spinge a chiedere di fare più piano o di smetterla con quel caos, sembra di ri-

vedere le scene di condominio tra vicini di casa.

(www.miojob.repubblica.it)

Testo 1

Page 4

47Prova di Comprensione della Lettura

1 Perché alcuni uffici sono beffardamente nominati open space?

(da 7 a 16 parole)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2 Cos’è che soprattutto innervosisce in ufficio?

(da 6 a 15 parole)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3 Perché possiamo considerare i colleghi i “nuovi vicini”?

(da 10 a 15 parole)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4 Quand’è che in ufficio sembra di rivedere scene di condominio?

(da 9 a 15 parole)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PARTE

A.3

Page 5

77Prova di Produzione di Testi Scritti

Un Suo caro amico ha il vizio del fumo. Ha provato molte volte a smettere ma non ci è mai riu-
scito. È perfettamente consapevole dei danni che provoca alla salute, ma nonostante ciò con-
tinua a fumare. Dato che sa che Lei è riuscita a smettere in poco tempo Le scrive chiedendoLe
di aiutarlo e di dargli dei consigli.

Lei risponde all’amico

▪ lo ringrazia per la fiducia che ha nei Suoi confronti
▪ spiega perché capisce perfettamente il suo problema
▪ parla delle Sue esperienze in questo campo
▪ gli dà dei consigli

Sua sorella, che ora vive in Italia a Pistoia, è rimasta senza lavoro e sta pensando di mettere
su un’attività in proprio, utilizzando i soldi della liquidazione. Navigando su internet ha tro-
vato questo annuncio che le è sembrato interessante. Le scrive perciò chiedendoLe un con-
siglio.

Lei scrive a Sua sorella una lettera in cui

▪ esprime la Sua opinione su questo annuncio
▪ fa alcune considerazioni di carattere pratico
▪ esprime le Sue considerazioni relativamente al fatto se questo lavoro è adatto o meno a

Sua sorella
▪ presenta eventuali alternative di lavoro

11

12

Agenzia di viaggi on line!
La soluzione migliore per aprire la tua agenzia di
viaggio on line e diventare un consulente di viag-
gio.
Una figura innovativa che attraverso l’ausilio del
Web, darà la possibilità a chiunque di lavorare nel
mondo del turismo, vendendo viaggi e vacanze in
totale Autonomia, Libertà e Indipendenza!
Se il mondo del turismo ti ha sempre affascinato,
se da una tua passione desideri ottenere nuove
aree di ricavo, se credi nelle potenzialità che il
Web offre, allora compila il modulo e scopri come
aprire la tua Web Agency!

PARTE

B.2

Page 6

Edizioni Edilingua

Completare i testi con la parola mancante. Scrivere una sola parola.

84

Salone del Libro di Torino

“La memoria, svelata” è il tema della 23esima edizione del
Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma fino
1. lunedì 17 al Lingotto Fiere.
L’edizione di quest’anno del Salone del Libro si apre con
1.400 espositori, 75 dei 2. al de-
butto al Lingot to. Oltre all’India, Paese ospite di quest’anno,
sono 3. case editrici e istituzioni di
Perù, Brasile, Slovacchia, Romania e Albania. Ventisette le sa -
le 4. ospitano incontri e dibattiti,
un numero record mai raggiunto 5.
edizioni precedenti. Undici le regioni che 6. con un proprio spazio,
prima fra tutte l’Abruzzo che ritorna (partecipò 7. 2008) con una gran
voglia di ripartire dopo la 8. del terremoto.
Premio Salone del Libro. Si inaugura quest’anno la prima edizione del Premio Salone Inter-
nazionale del Libro per il quale i visitatori e 9. espositori saranno chia-
mati a 10. tra i finalisti Paul Auster, Carlos Fuentes e Amos Oz
esprimendo il proprio voto, da oggi 11. a lunedì, in sette postazioni elet-
troniche dislocate nei padiglioni del salone. Il vincitore sarà proclamato in chiusura del Salone.

(www.repubblica.it)

E-book, la sfida è cominciata

E-book o non e-book, questo è il dilemma. Lettori di tutto il 12., il mo-
mento tanto atteso, o temuto, è giunto: il libro elettronico sta 13. ar-
rivare. Dopo tanti annunci, promesse, precoci salti in avanti e marce indietro, ora si fa
14. serio. Sembra ormai evidente che la possibilità di 15.
su un supporto elettronico romanzi, saggi e qualsiasi altro testo (giornali compresi) è diventata
16.. A questo punto, si impone l’amletica scelta: restare fedeli al caro
vecchio 17. di carta, continuare ad annusarlo (non è un

18. di dire: molti bibliofili lo fanno davvero),
tenerlo fra le 19. , riporlo sul comodino, met-
terlo in valigia, infine fargli fare bella mostra di sé nella 20.
 in salotto, o aprirsi al nuovo? A ben vedere, gli ar-
gomenti 21. spingono tanti a giurare fedeltà
eterna al cartaceo, sono 22. natura quasi
esclusivamente romantica. Mentre 23. l’ar-
gomento economico, con tutta la brutale forza dei numeri, a far pen-
dere la bilancia verso l’e-book.

(www.repubblica.it)

Testo 1b

Testo 1a

Page 7

101Prova di Competenza Linguistica

8. Collegare le frasi con le forme opportune di collegamento (congiunzioni, preposizioni,
pronomi, avverbi). Se necessario eliminare o eventualmente sostituire alcune parole.
Trasformare se necessario i verbi nel modo e nel tempo opportuni.

1 Ho chiesto a Rosa di portarmi qualche libro.
Rosa ha molti libri.
Rosa mi ha portato solo un libro.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2 Ho chiesto a mio padre di prestarmi dei soldi.
Ho bisogno di questi soldi.
Devo comprarmi una macchina nuova.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3 Anna non riesce a trovare lavoro.
Anna ha deciso di trasferirsi a Monaco.
A Monaco ci sono più possibilità di trovare lavoro.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

4 Non posso prendere la macchina.
Non trovo le chiavi della macchina.
Non ricordo dove ho messo le chiavi della macchina.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

5 Ieri è arrivato a casa nostra Carlos.
Carlos è un ragazzo spagnolo.
Mia figlia ha conosciuto Carlos in vacanza.
Mia figlia parla sempre di Carlos.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

6 Ho guardato un vecchio album di fotografie.
Ho trovato la fotografia di un vecchio amico.
Ho telefonato a questo vecchio amico.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

7 Stasera voglio invitare a cena quei ragazzi siciliani.
Ieri sera sono stata a casa di quei ragazzi siciliani.
Quei ragazzi siciliani sono stati molto gentili con me.
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

PARTE

C.2

Page 8

113Prova di Competenza Linguistica

19. Completare le frasi scrivendo la parola mancante opportuna (verbo, sostantivo,
aggettivo, avverbio) formandola da quella fornita.

1 Complimenti! Tuo figlio è una persona molto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
EQUILIBRIO

2 In questo periodo nella mia città stanno facendo degli esami per controllare la
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . dell’acqua.
PURO

3 Mio padre è sempre molto stanco perché fa un lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
NOTTE

4 Anche se è ancora estate, oggi con questo tempo sembra proprio una giornata
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

AUTUNNO

5 Il prossimo giovedì hanno deciso di fare sciopero anche i . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
NEGOZIO

Completare le frasi scrivendo la parola mancante opportuna (verbo, sostantivo,
aggettivo, avverbio) formandola da quella fornita.

1 Tuo marito mi ha stupito. È veramente un . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . eccezionale!
CUOCERE

2 Per venire a casa mia la strada è tutta in . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
SALIRE

3 Lui ha sempre avuto un atteggiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . nei nostri confronti.
AMICO

4 Mi sembra che in questa strada la . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . delle case sia sbagliata.
NUMERO

5 Alle prove . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . parteciperanno solo dieci candidati.
FINE

PARTE

C.3

20.

Page 9

PARTE A Prova di Comprensione della Lettura

PARTE B Prova di Produzione di Testi Scritti

Tempo: 2 ore e 15 minuti

Similer Documents